11-05-2002

 

 

 

 

 

 

IL VOLO - GENESI E SUA MISSIONE

 

Per "volo pindarico" s'intende qualcosa di assolutamente deviante, per

certi versi destabilizzante. Basilarmente e' un distacco dalla realta'

contemporanea e il susseguente ingresso in un mondo ad essa parallelo,

spesso fiabesco e dai contorni psichedelici dove regna molta (ma sana)

distorsione. Sorta di "viaggio nel subconscio autoprodotto", e cioe'

una droga "autofinanziata" dal nostro cervello, un massiccio distacco

dai doveri del mondo contemporaneo al fine di approdare in una terra

fatta di ricordi, emozioni, sogni, progetti ed aspirazioni. Una droga

mentale autoprodotta, insomma, un raggiungimento di un mondo fantastico

SENZA FARE USO ESPLICITO DI DROGHE ALLUCINOGENE, LSD e quant'altro

ancora. Una PURA E LIBERA divagazione in un'entita parallela che noi

stessi creiamo. Naturalmente molto sara' determinato dal quoziente di

fantasia di ognuno di noi, questo sia ben chiaro.

A tal proposito, poco piu' di 2 anni fa, ho inciso per conto mio una

cassetta nella quale io, Telly Pepper, mi auto-proclamavo Supremo

Imperatore dei Pindarici. In questa cassetta veniva riportato una

sorta di "fanta-documentario", noto anche come "docupindario", nel

quale io mi trasformavo in scienziato fittizio studioso del fenomeno,

dando vita ad una altrettanto fittizia trasmissione (sullo stile

Quark di Piero Angela) dedicata a questa nuova (allora) razza, la razza

dei pindarici, appunto.

(faro' avere questa cassetta/documento sia a te che a Fabio, non

dubitare di questo)

La genesi del volo si compie circa 3 anni fa: durante un soggiorno

in Inghilterra, la mia (allora) coordinatrice conio' la definizione

"volo pindarico", che in seguito io avrei adottato. La frase, per

dovere di cronaca, fu: "...aaaah, i voli pindarici di Luca..." -

frase che evidenziava quanto fossero alti i miei stati di decocentra-

zione avvenuti in un contesto lavorativo. Da allora io diventai "Il

Supremo Imperatore Dei Pindarici". Ed il "volo" divenne il mio marchio

di fabbrica.

Compito, missione del volo, e' quello di creare un'entita' parallela

volta a sopprimere i catastrofici influssi del mondo circostante.

Una non-accettazione della realta' e dei suoi soprusi psicologici.

Una continua divagazione lisergica e liberatoria, un trionfo della

fantasia nella sua piu' larga accezione del termine.

Stati di deconcentrazione, si possono superficialmente definire.

Stati di fantasia illimitata, invece, io amo definirli.

La missione del volo pindarico e' dunque quella di far staccare dal

suolo terreno l'individuo per farlo approdare, previa accertamento

di un'innata sensibilita', in mondi colorati e conditi da dolci evasio-

ni. Un aiuto morale ad una psiche devastata.

Lunga vita al volo, dunque, ed ad i suoi benefici, innegabilmente

lisergici influssi.

Lasciatevi "tradire" da un volo pindarico....

 

Telemaco Pepe, Inspodestabile Sovrano del Volo

 

TELEMACO PEPE

 

Questo testo Ŕ depositato presso www.neteditor.it e quindi coperto da diritti d'autore. Esso non potrÓ essere riprodotto totalmente o parzialmente senza il consenso dell'autore stesso.