10-03-2003

 

   

SHARON STONE: "PRENDO I SOLDI E SCAPPO..."

 

 

Premetto che del Festival di Sanremo non mi frega alcunche', ma dopo essere

venuto a sapere che quella stracciac.... di Sharon Stone si e' fatta dare

250.000 euro (...ehi, guys... si tratta di 500.000.000 scarsi, MEZZO-MILIARDO di

vecchie lire circa...) per recitare

una poesia infantile che un bambino di 8 anni avrebbe sicuramente reso meno

imbarazzante, beh... non posso che esprimere il mio dissenso con un rutto o,

casomai il mio stomaco sia in grave subbuglio, con una bella, potente,

infrangi-mutanda scoreggia degna di

un Campionato Nazionale del Peto... Chissa' perche' l'italiano medio di turno

perde regolarmente la testa, quando di fronte a lui si "erge" (le virgolette

sono assolutamente irrinunciabili) una divuccia di holly-wood, o, ancora peggio,

come nel caso di Sharon Stone, una non eccelsa attrice, che, suo malgrado (per

chiunque non se ne sia ancora accorto o faccia finta di non accorgersene...),

sfrutta stabilmente, a distanza di ben 12 anni, il clamore e gran polverone

sollevati dal suo film piu' discusso, BASIC INSTINCT

(cinematograficamente parlando una pellicola mediocre, riscattata un tantino

solo dalla passera della Stone in bella evidenza durante la celebre accavallata

di gambe... la piu' famosa della storia, suppongo...).

Naturalmente, per doveri di copione, Baudo non avrebbe mai potuto, davanti a

10.000.000 di italiani, indignarsi di fronte a tanto spreco di denaro, "solo"

perche' la diva porta il nome di Sharon Stone. Il cattivo gusto sembra non avere

mai fine, e Sanremo oramai ne e' divenuto a tutti gli effetti la quin-tessenza.

Baudo, dunque, non era in grado, ma io si', e vi sputo in faccia (o vomito, a

seconda dei vostri gusti in fatto di "horror-kitsch") la squallida realta'

rappresentata da una americana a cui certo il cervello non manca, ma che, da

autentica profittatrice,

ha saputo usare al meglio... come si suol dire... le proprie capacita'

intellettive......... alias: "ottenere il massimo risultato (i 250.000

EURO) con il minimo sforzo (la banale, insulsa, inutile poesia letta davanti al

pubblico dell'ARISTON)", e per di piu' risultando offensiva

nella sua eclatante, disgustosa ruffianeria.

Trovo sarebbe stato molto meglio che la Stone organizzasse una sortita davvero

fuori dagli schemi, come quella per esempio di formare una rock-band tanto

casuale quanto estemporanea, debuttare poi sul palco di Sanremo e devolvere i

250.000 EURO di ingaggio

equamente divisi per due: la prima meta' al fine di finanziare ulteriormente la

campagna anti-AIDS (a cui, sembra, la Stone tenga in modo peculiare); la seconda

invece da destinare ai bambini che muoiono di fame nel Terzo Mondo... una diva

del genere non dovrebbe

lasciarsi sfuggire simili particolari.....

Ma i particolari non appartengono certo alla patinatissima, volgare e subdola

kermesse sanremese...

Concludero' con una mia acida, perentoria, sprezzante osservazione finale: ho

provato "pena" (neanche quella, in fin dei conti) per quell'idiota che

ha telefonato onde congratularsi con Sharon Stone per il suo STRAORDINARIO gesto

umanitario.... nonche' per la sua "grande intelligenza" dimostrata in quel

"toccante" (sniff sniff... a me 10 fazzolettini di carta...., presto!!.... sono

commosso...sniff), IRRIPETIBILE frangente...

...... Che cosa mai dovro' aggiungere?...

Aggiungero', velenoso quanto un cobra in crisi di astinenza e percio' assai

desideroso di "uccidere" la prossima prelibatissima vittima, che tra una donna

dalla "grande, fine intelligenza" e Sharon Stone

vi e' il non indifferente gap di ben 250.000 EURO...............

Non ho altro da aggiungere....

......cosi' come spero non abbiate voi......

....mmmmh..... un ronzio sta perpetuamente, fastidiosamen-te circumnavigando il

mio adorato cervellino....

Ma... la Stone... SA CANTARE.....?.......

 

TELEMACO PEPE

 

Questo testo Ŕ depositato presso www.neteditor.it e quindi coperto da diritti d'autore. Esso non potrÓ essere riprodotto totalmente o parzialmente senza il consenso dell'autore stesso